Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

A Plague Tale: Requiem disponibile da ora

Il lancio di A Plague Tale: Requiem è arrivato

Con A Plague Tale: Requiem, Asobo Studio ha percorso una strada diversa rispetto a quella intrapresa nel primo titolo. Le prime differenze le troveremo nella scelte stilistica: la palette di colori utilizzata sarà più calda e vivace e ci allontanerà dalla tetra atmosfera, spostandoci verso la Provenza.

Qui i fratelli de Rune dovranno fare i conti con le orde di ratti presenti fra le vie della città e dovranno avere a che fare con tutto ciò che comporta la peste nera. Nel frattempo soltanto qualche giorno fa tramite l’account Twitter del videogame, è stato pubblicato un messaggio rivolto a tutti coloro in attesa del lancio del titolo che invitava gli utenti che avranno modo di giocare subito ad A Plague Tale: Requiem di non fare spoiler.

A Plague Tale : Requiem

Per gli sviluppatori è importante che ogni utente abbia la propria esperienza fino in fondo: cosa ci riserva il futuro di Hugo e Amicia? Nel secondo capitolo avremo modo di esplorare luoghi mai visti, quali porti e mercati con il paesaggio della Francia meridionale da cornice: sembra che nel frattempo, diversi elementi abbiano già convinto la critica. Sono arrivate le prime impressioni riguardanti il videogame di Asobo Studio, attualmente su Metacritic l’opinione della critica è positiva e in media i voti oscillano fra 80 e 90.

L’ultimo capitolo

Essenzialmente, Requiem dovrebbe essere l’ultimo capitolo della serie, visto che non sono previsti piani per ulteriori sviluppi salvo un piccolo immenso particolare che però, starà al pubblico valutare.

Credo che per ora sia la fine. Ma la porta rimane aperta, e vedremo come reagiscono i giocatori. Vogliamo vedere la loro reazione prima di decidere sul da farsi; sono ciò che ci spinge, e se a loro non piace quello che abbiamo creato, dobbiamo produrre qualcos’altro.

A Plague Tale : Requiem

Questo potrebbe far presagire un drastico cambiamento avvenuto nelle fasi finali del titolo o qualcosa di simile. Il fatto che dipenda dai giocatori lascia proprio spazio a qualcosa che potrebbe esaltare o deludere amaramente gli utenti se l’eventuale terzo capitolo dipende da questo.

A Plague Tale: Requiem gira a 30 fps su PS5 e Xbox Series X/S

Secondo un’analisi del canale YouTube ElAnalistaDeBits, A Plague Tale: Requiem girerà solo a 1440p e 30fps su Xbox Series X e PS5 (o 40fps in modalità 120hz). Stando all’analisi, potreste anche avere difficoltà a far girare il gioco in 4K su PC con una RTX serie 30, anche con DLSS attivo.

A Plague Tale: Requiem sembra offrire più o meno lo stesso set di funzionalità su Xbox Series X/S e PS5, con entrambe le console che eseguono il gioco a 1440p e 30fps con impostazioni grafiche simili. Series X ha un leggero vantaggio in termini di prestazioni, mantenendo 30fps piuttosto solidi, mentre PS5 può avere piccoli cali (non più di 5 fotogrammi) durante le scene più impegnative (con molti topi o fogliame).

A Plague Tale : Requiem

Per quanto riguarda Series S, la console è limitata a 1080p e 30fps e soffre di cali simili a quelli visti su PS5.

Per quanto riguarda la versione PC, una GeForce RTX 3080 in modalità prestazioni DLSS raggiunge appena i 60 fps in 4K. Ovviamente, ci saranno prestazioni inferiori su GPU RTX serie 30 meno potenti. Ma se si dispone di una delle nuove schede GeForce RTX 4090, è possibile ottenere una media di circa 160 fps con DLSS 3.

La preoccupazione ora è che il 4K e/o i 60fps non sembrano più una garanzia per i possessori di Series X e PS5, soprattutto per quanto riguarda i “veri” giochi next-gen. O forse A Plague Tale: Requiem è semplicemente non ottimizzato a dovere.

Condividi questo post

Articoli correlati

0
0

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

    Grazie per aver inviato il tuo commento!